Visa

Prima di partire per l'Australia bisogna porsi una domanda (oltre ad avere se è possibile una buona qualifica nelle mani) per verificare quali sono i requisiti che si posseggono e quindi per sfruttare al meglio le proprie possibilità di successo per riuscire a restare.  "Quale tipo di visto posso ottenere?". Qui in Australia ci sono tantissimi tipi di visto per entrare nel paese, alcuni permettono solamente di viaggiare, altri di lavorare e alcuni permettono entrambe le cose.

Il governo australiano è molto attento nel selezionare le persone che possono arrivare nel paese, e purtroppo periodicamente si aggiungono restrizioni che impediscono, se non si pianifica almeno con un pò di anticipo, la partenza.

In questa sezione darò informazioni abbastanza sommarie, ma spero utili, riguardo ad alcuni visti che possono essere presi in in considerazione da famiglie che intendono trasferirsi qui (attenzione, sto parlando principalmente di coppie con figli, perchè chi non ha figli può muoversi con più facilità e, in certi casi, ottenere dei visti non possibili a famiglie con bambini).

Per qualsiasi info più dettagliata è comunque opportuno consultare il sito ufficiale del governo anche perchè ogni anno, generalmente  nel mese di luglio, le condizioni per l'ottenimento dei visti si modificano in base ai flussi migratori.

Per individui o coppie senza figli e/o con meno di 31 anni, il Working Holiday Visa è uno dei visti più facili da ottenere.

Con questo visto si ha la possibilità di entrare nel paese come turista e nel caso lo si voglia è permesso lavorare e si può restare nel paese fino ad un massimo di 12 mesi (per chi lo vuole, rinnovabili di altri 12 mesi).

Lo Student Visa è un altro tipo di visto che permette di entrare e potere lavorare e studiare allo stesso tempo (ci sono però dei limiti massimi di ore a settimana, per chi vuole approfondire si rimanda al sito del governo). In questo caso l'età non è vincolante, per cui chiunque può accedere a questa tipologia di visto  a condizione di essere iscritto ad una scuola/corso.

Il lato negativo di questa tipologia di visto è che generalmente i corsi costano molto, perciò bisogna prima fare i conti con le proprie tasche per valutare le possibilità economiche di investire in una scuola all'estero.

I corsi vanno infatti pagati in anticipo e la scelta risulta vantaggiosa solamente se entrambi i partner possono lavorare.

Nel mio caso con 3 figli a carico e dovendo stare a casa non sarebbe stata la scelta migliore, anche perchè se i figli sono in età scolare (6 anni da compiere tra luglio e giugno dell'anno successivo) devono essere iscritti obbligatoriamente alla scuola e non godendo di alcuna agevolazione dal governo le tasse scolastiche si aggirano intorno a 8000 AUD all'anno per figlio.

Il lato positivo è che con questo tipo di visto ci si può professionalizzare in un determinato lavoro grazie ai corsi professionali che mirano a inserirti nell ambiente di lavoro rilasciando una qualifica spendibile in Australia (generalmente i titoli esteri devono essere riconosciuti da un ente australiano prima di poter essere considerati validi ai fini lavorativi).

Noi avevamo bisogno di trovare uno sponsor per mio marito, che aveva tutte le qualifiche per poter lavorare come meccanico e aveva già sostenuto l'esame IELTS (per approfondimenti in merito si rimanda alla sezione apposita, o se vuoi, clicca qui).

Perciò dopo aver soppesato bene pro e contro di ogni Visa, abbiamo deciso di entrare con un visto turistico che ci dava la possibilità di rimanere in Australia per 3 mesi più un'eventuale estensione di altri 3 mesi. Il lato negativo di questo visto (Holiday Visa) è che non si ha il permesso di lavorare, perciò bisogna mettere da parte un budget mettendo in conto di non avere entrate finanziarie per qualche mese.

Lato positivo è però la possiblità di cercare lavoro ed eventualmente sostenere colloqui. Una volta trovato uno sponsor interessato alla tua figura professionale si può fare l'application per un visto lavorativo...ed è quello che è successo a noi.

Appena arrivati ci siamo subito messi alla ricerca di un lavoro (cosa che avevamo già iniziato a fare in patria) e dopo 4 giorni trovata l'azienda che faceva da sponsor a mio marito, abbiamo potuto applicare per un visto 457 che ci da la possibilità di rimanere in Australia per 4 anni (la durata di questo visto dipende dalla durate del contratto che il datore di lavoro è interessato a proporti), ma già dopo 2 anni se vogliamo possiamo fare richiesta per un visto permanente, con il quale si puo' entrare ed uscire dal paese quando e come si vuole.....

L'ottenimento del visto 457 ha impiegato circa 40 giorni tra smaltimento dei documenti ed attesa di approvazione da parte del governo.

Tutto l'iter è stato relativamente semplice perchè noi avevamo già tutta la documentazione pronta dall'Italia (e parlo di tanti documenti tutti tradotti in lingua inglese da un traduttore ufficiale NAATI) e con l'aiuto di un valido Migration Agent abbiamo ottimizzato i tempi....quindi il mio consiglio è, se possibile, preparare tutto per tempo, pianificare almeno un anno prima della partenza se non si vuole avere tempi morti una volta giunti Down Under!